vota su OKNotizie salva su Segnalo vota su Diggita condividi su Meemi segnala su Technotizie vota su Wikio vota su Fai Informazione vota su SEO Tribu add to Del.Icio.Us. Digg this fav this with Technorati segnala su ZicZac

Rocca Santo Stefano

una finestra sulla Valle dell'Aniene

DATI ANAGRAFICI

Rocca Santo Stefano

Altitudine:664 m s.l.m. 

Abitanti: 1034 m

E' un piccolo paese arroccato su uno sperone di roccia calcarea in mezzo a boschi di castagni. Intorno all'VIII secolo si ha notizia in questi luoghi di un piccolo insediamento chiamato Rocca d'Equi sviluppatosi intorno ad una chiesa dedicata a Santo Stefano.
Col tempo, le incessanti invasioni barbariche costrinsero gli abitanti a cercare rifugio sulla vicina altura di Colle Lungo, dove è oggi il paese. La storia del borgo è strettamente legata all'Abbazia di Subiaco dei cui possedimenti fece parte per parecchio tempo. Solo per un breve periodo intorno alla metà del '600 fu dominio dei Colonna. Oggi Rocca Santo Stefano, un tempo famosa per la produzione artigianale di botti e barili, trae le sue risorse economiche dall' agricoltura, dall'allevamento di bovini e dallo sfruttamento dei boschi.

L'INFIORATA

La tradizione dell'infiorata del "Corpus Domini" si perde nella notte dei tempi. A Rocca S. Stefano come in molti altri paesi del Lazio è infatti consolidato spargere dei fiori lungo le strade del paese attraversate dalla processione. Anticamente gruppi di contadine erano incaricate nei giorni precedenti l'evento, di raccogliere fiori nelle campagne intorno al paese, principalmente rose e ginestre tipiche del periodo arricchite dagli aromi inconfondibili di salvia e rosmarino. I fiori riposti nelle tipiche "canestre" di vimini venivano sparsi al passaggio del Tabernacolo, lungo i vicoli venivano esposti i corredi nuziali usanza che ancora resiste. All'inizio degli anni70 si è avuta una prima evoluzione e principalmente lungo via della Villa e via del Forno, gli abitanti dei rioni al mattino presto, disponevano i fiori in terra disegnando con essi semplici simboli religiosi e realizzando piccoli altarini. Riprendendo questa tradizione negli anni 80 un gruppo di giovani del paese, ha tentato di rendere più caratteristica tale manifestazione e si è impegnato a realizzare dei veri e propri tappeti floreali intorno alla piazza di Rocca. Allorchè all'iniziale gruppo di infioratori si sono aggiunti dei giovani particolarmente dotati nel disegno, alcuni dei quali diplomati all'istituto d'Arte, l'infiorata ha assunto la connotazione attuale e si sono potuti riprodurre anche quadri di famosi pittori (l'urlo di E. Munch, la Madonna della seggiola di Raffaello, il tondo Doni di Michelangelo e molti altri ancora). Nell'attuale infiorata pur mantenendosi un carattere religioso vengono trattati alcuni temi a sfondo sociale o strettamente legati ad argomenti di attualità. Quest'anno siamo giunti alla ventunesima edizione della manifestazione, tutto sarà caratterizzato da una serie di eventi, uno in particolare la mostra fotografica lungo i vicoli del paese, che ripercorre i 21 anni di attività del gruppo "Maestri Infioratori".Ci sarà inoltre la partecipazione di tre gruppi infioratori dei paesi limitrofi a Rocca S. Stefano, questo per poter avere finalmente una collaborazione e uno scambio culturale con altre realtà vicino alle nostre.
Il gruppo infioratori, dopo tanti anni di lavoro, finalmente ha dado vita all'associazione "Maestri Infioratori" di Rocca S Stefano, nel maggio del 2007 ha partecipato alla rassegna "Infiorate Artistiche " svoltasi a Pietra Ligure In provincia di Savona.

INFO UTILI

Comune di Rocca S. Stefano
Sede:Via Padre Pellegrino Ernetti, 9
Tel. 06-9567304 - Fax 06-9567373
sito www.comune.roccasantostefano.rm.it
www.infiorataroccasantostefano.it

COME ARRIVARE

In Autobus
Servizio Co.TraL. con partenze da Osteria del Curato o Rebibbia
per ulteriori informazioni consultare il Sito Ufficiale Cotral
In Automobile
con partenza da Roma tramite Autostrada A24 Roma -l'Aquila - uscita Castel Madama - proseguire come da segnaletica per Gerano/Rocca S. Stefano .
con partenza da Roma tramite Autostrada A1 Direzione Napoli, Uscita Valmontone - proseguire in direzione Genazzano/Olevano Romano, quindi seguire la segnaletica.

DOVE MANGIARE

Ristorante Alberobello
Piazza S. Sebastiano,2
Tel. 069567303
(chiuso il mercoledì)

Ristorante The King
Piazza S. Sebastiano,5
Tel. 3391702763
(chiuso il martedì)

OSPITALITA'

Non disponibile

DA VISITARE

La chiesa di S. Maria Assunta (del 1749, costruita secondo un progetto di Michelangelo), in stile tardo barocco
La chiesa di S. Stefano con affreschi (scuola del Perugino) del '500
I vicoli del del centro storico
Il bosco di castagni " Antera"

MANIFESTAZIONI


L'infiorata del corpus domini

L'Agosto Roccatano
La sagra degli gnoccacci
Tipica sagra paesana, con degustazione del piatto tipico di Rocca, gli gnoccacci.
La festa di S. Stefano
Suggestivo rito religioso per festeggiare il patrono con processione per le vie del paese e spettacolo pirotecnico finale.
La SS. Trinita' (pellegrinaggio al santuario di (Vallepietra)

 
INFIORITALIA Associazione Nazionale Infiorate Artistiche - sede legale e sede sociale Via Roma, 6 02037 Poggio Moiano RI
Realizzato da Giorgio Bottini - Chi Siamo | Paesi Associati | Rassegna Stampa | Mail | Wiki